08 set 2013

Charles Lloyd, Eric Harland e Zakir Hussain live 2013

... al festival Jazz sous les Pommiers, 4 maggio 2013

Jazz sous les Pommiers (jazz sotto gli alberi di mele) si svolge annualmente a Coutances nella Manche (Bassa Normandia), durante la settimana dell'Ascensione.




Charles Lloyd: sassofono, flauto, taragot (un clarinetto ungherese, ibrido tra il sax soprano e il clarinetto), piano, percussioni
Zakir Hussain: tabla, voce
Eric Harland: batteria


Che trio, ragazzi! A dir poco originale, e non privo di richiami mistici. Tre talenti che esprimono tutto il mondo in un vasto abbraccio tra America e Asia.

Lloyd (nato a Memphis, U.S.A., nel 1938), è noto per il suo stile "coltraniano"; fece parte del Cannonball Adderly Sextet ma all'inizio della carriera si cimentò anche con alcuni bluesmen (B.B. King, Howlin' Wolf, Bobby "Blue" Bland... praticamente i migliori!) e negli Anni Settanta fu attivo nel pop-rock (Doors, Byrds, Grateful Dead, Beach Boys...). All'inizio proprio di quegli Anni Settanta così ricchi di eventi culturali e politici, Lloyd intraprese una sorta di "ricerca di se stesso" approdando a Big Sur in California, dove già si erano arenati - a ridosso del Pacifico - Langston Hughes, Henry Miller, Lawrence Ferlinghetti, Jack Kerouac e altri grandi e meno grandi artisti "zen".
 
Il 26 aprile 2013 Charles Lloyd ha ottenuto un Premio al Merito dalla città di Tallinn per essere stato un pioniere del jazz in Estonia, dove andò a esibirsi già nel 1976, durante la Guerra Fredda (quando l'Estonia ancora faceva parte dell'U.R.S.S.).  


Zakir Hussain (nato nel 1951) è un suonatore di tabla indiano; già enfant prodige, vive negli Stati Uniti praticamente da una vita. Ha composto la colonna sonora di diversi film e ha contribuito al soundtrack di altri (Apocalipse Now, Little Buddha...).

Eric Harland (classe 1978) è il batterista jazz dei nostri tempi. Ha suonato e inciso - tra gli altri - con Aaron Goldberg, Stefano di Battista, Ravi Coltrane, Terence Blanchard, con il leggendario McCoy Tyner (Land of Giants, 2003)... Svariati gli album con Charles Lloyd: Jumping The Creek, Sangam, Rabo de Nube, Mirror, Athens Concert.



Prossimamente: un articolo sul Charles Lloyd Quartet



Nessun commento:

Posta un commento