03 ott 2012

Brano del giorno: "Donna Donna"

Joan Baez (Recorded in concert for CBC Radio Montreal, Canada, 1969)


Il Mitchell Trio, veterani del folk pacifista e dei diritti civili, in un'esibizione del 1962


Cantata nell'originale ebraico da Nehama Hendel nel 1965


Herbert Pagani ne fece una versione italiana con il titolo "Un capretto" (Particolari sul sito: Antiwar songs / Canzoni contro la guerra)


Dal film Gie (2005), cantata da Sita


Mary Hopkin (live 1970)


Una cover della celebre versione in francese di Claude François


Una bella cover nello stile di Donovan


... e ancora la Baez (l'unica e inimitabile!) in quella che secondo me è da ritenersi l'interpretazione più riuscita in assoluto di "Donna Donna"



"Donna Donna" - la storia

Il titolo della canzone, nell'originale in yiddish, è "Dana Dana". La composizione - assai nota in svariate parti della Terra - tratta di un vitellino ("Kälbl") che sa di essere condotto al macello ma è impossibilitato a difendersi. Di contro, la rondine è padrona del proprio destino; lei simbolizza l'autonomia e l'autoresponsabilità, principi basilari della libertà. Gli ultimi due versi dell'originale dicono: "Solo coloro che posseggono ali come una rondine / Non cadranno mai nella schiavitù."
La canzone riflette la situazione degli ebrei al tempo del Terzo Reich. Composta proprio in quel drammatico periodo (per il musical Esterke, 1940-41) da Aaron Zeitlin (testo) e Shalom Secunda (musica), porta un titolo apparentemente senza significato; in realtà, la parola "Dona" (o "Dana") proviene dall'yiddish "Donaj", forma breve di Adonai, una delle denominazioni di Dio nel Vecchio Testamento.


Testo in inglese:

On a wagon bound for market
There's a calf with a mournful eye
High above him there's a swallow
Winging swiftly through the sky

How the winds are laughing
They laugh with all their might
Love and laugh the whole day through
And half the summer's night

Donna donna donna, donna
Donna donna donna, don
Donna donna donna, donna
Donna donna donna, don


Stop complaining, said the farmer
Who told you what had to be?
Why can't you have wings to fly with
Like the swallow so proud and free?

How the winds are laughing
They laugh with all their might
Love and laugh the whole day through
And half the summer's night

Donna donna donna, donna
Donna donna donna, don
Donna donna donna, donna
Donna donna donna, don


Calves are easily bound and slaughtered
Never knowing the reason why
Why can't you have wings to fly with
Like the swallow you've learned to fly?

How the winds are laughing
They laugh with all their might
Love and laugh the whole day through
And half the summer's night

Donna donna donna, donna
Donna donna donna, don
Donna donna donna, donna
Donna donna donna, don



Nessun commento:

Posta un commento