13 gen 2012

Quando il calypso incontra il jazz

Kaiso, l'album del trombettista Etienne Charles uscito nel 2011, è disponibile qui: http://www.etiennecharles.com. O (con un po' di fortuna) su Amazon.com .



.............--> Calypso & jazz<--: magic fusion!




Notizie di approfondimento:

Il calypso nasce a Trinidad agli inizi del '900. Si ritiene che le sue origini vadano ricercate nei metodi di comunicazione usati tra gli schiavi nelle piantagioni. Dopo che i francesi importarono nell'isola il loro Carnevale, il calypso venne utilizzato come elemento folkloristico; ciò aumentò la sua popolarità e nel 1834, dopo l'abolizione della schiavitù, il genere potè esplodere.

La musica calypso fu spesso censurata, soprattutto dai britannici, a causa del suo contenuto politico e di forte protesta: i "Calypsos" infatti denunciavano le tragiche condizioni in cui versavano e la corruzione dei politici. Ma la censura, per quanto rigida, non li fermò; anzi: aumentò nei "Calypsos" il desiderio di ribellione.

A livello mondiale, il calypso ebbe una forte impennata nel 1956, quando Harry Belafonte, utilizzandone una variante meno politicizzata e dunque commerciale, pubblicò nel suo album - intitolato appunto Calypso - una riedizione di "Banana Boat Song", una canzone tradizionale giamaicana che ebbe subito grande successo. [Calypso fu il primo album al mondo a vendere oltre un milione di copie...]





Il kaiso

E' una musica che ha le sue origini nell'Africa Occidentale e che si sviluppò nelle colonie caraibiche al tempo della dominazione spagnola. Il kaiso è, in pratica, il precursore del calypso. Il nome deriva probabilmente dal linguaggio Hausa (West Africa) ed è un termine di incoraggiamento o di plauso corrispondente al nostro "Bravo!".

Per saperne di più vedi: Kaiso Stories (note della cantante Fay Victor).
................

Nessun commento:

Posta un commento