23 lug 2015

Brano del giorno: "Broken Arrow"

... di Neil Young

Ecco una miniopera da parte del Genius, di "The Loner", del "nonno del grunge", risalente a quando ancora militava con i Buffalo  Springfield.


"Broken Arrow" si snoda lungo tre strofe separate, che sono anche i tre quadri di questa composizione che ci racconta la decadenza dell'America e del mondo occidentale, condannando la guerra nel Vietnam (tutte le guerre) e la schiavitù cui sono caduti gli americani primigenei: gli Indiani d'America cioè, popoli un tempo fieri e poi messi in ginocchio da un sistema brutalmente materiale (anche se è vero che alcuni pellerossa - pochi - sono diventati ricchi con i casinò).




E' una canzone che sintetizza gli Anni Sessanta. L'assassinio del presidente Kennedy, il "gioco della palla" (inteso è il baseball), il diciottesimo compleanno che non rende adulti bensì alienati... E, sulle panchine (o sui sedili di un autobus), alcuni indiani tutti stretti tra di loro. "Hai forse visto se tengono in mano una freccia rotta?"


"Broken Arrow", la freccia rotta, è simbolo di resa e rassegnazione. E, in gergo moderno, così viene chiamato un incidente presso una centrale nucleare.

La canzone sfocia in alcuni passaggi jazzistici; non a caso, ovvio: la chiusura di un brano che confronta la storia degli States con il loro presente non poteva che essere un omaggio all'"invenzione" tipicamente americana, appunto il jazz.

Come sempre, il lirismo, la poesia, si fondono con la realtà sociale. Intanto, tutti i decenni intercorsi non hanno cambiato per nulla lo straordinario cantautore canadese, che oggi si ritrova impegnato a lottare contro i cibi geneticamente modificati (il suo ultimo album è un attacco diretto alla Monsanto...) e ad appoggiare la ricerca per un motore d'automobile eco-friendly, nonché a scoprire lui stesso un nuovo sistema di riproduzione musicale (il Pono, l'alta fedeltà che dovrebbe sconfiggere gli mp3).


Broken Arrow

The lights turned on and the curtain fell down,
And when it was over it felt like a dream,
They stood at the stage door and begged for a scream,
The agents had paid for the black limousine
That waited outside in the rain.
Did you see them, did you see them? 
Did you see them in the river? 
They were there to wave to you.
Could you tell that the empty quivered,
Brown skinned indian on the banks
That were crowded and narrow,
Held a broken arrow? 

Eighteen years of american dream,
He saw that his brother had sworn on the wall.
He hung up his eyelids and ran down the hall,
His mother had told him a trip was a fall,
And dont mention babies at all.
Did you see him, did you see him? 
Did you see him in the river? 
He were there to wave to you.
Could you tell that the empty quivered,
Brown skinned indian on the banks
That were crowded and narrow,
Held a broken arrow? 

The streets were lined for the wedding parade,
The queen wore the white gloves, the county of song,
The black covered caisson her horses had drawn
Protected her king from the sun rays of dawn.
They married for peace and were gone.
Did you see them, did you see them? 
Did you see them in the river? 
They were there to wave to you.
Could you tell that the empty quivered,
Brown skinned indian on the banks
That were crowded and narrow,
Held a broken arrow?

Un po' di gossip: con grande sconforto di tanti suoi fans, Neil Young ha recentemente abbandonato, dopo oltre trent'anni di matrimonio, Pegi Morton, madre dei suoi figli oltre che sua collaboratrice, per mettersi insieme all'attrice Daryl Hannah...




Nel video sottostante, un'altra versione della medesima canzone:




Iscrivetevi al gruppo di Facebook "Comes A Time - Neil Young" (in inglese)


.

Nessun commento:

Posta un commento